23 gennaio 2016

Popcorn

A volte lo sport è salutare le proprie debolezze. In tal caso lo sport intenerisce ed instaura una comunicazione a livello del subconscio. Passo dopo passo, si passa da un subconscio all'altro. In qualche modo si percepisce la compassione e la forza. Debolezze e valori si affiancano e si osservano. E' una gran cosa saperle riconoscere entrambe come parte di noi. 

In questo periodo della mia vita sono più debole, e mi intenerisce l'idea di esserlo. Inizio a percepire segnali indiretti di cedimento. Cedo alle idee alternative alla corsa. Cedo agli strati tissutali che chiedono farciture di calore, besciamelle e sughi da cui ingrassare. Cedo e passo il turno. Cedo e incedo senza meta verso una nuova consapevolezza.

Qualcuno ha detto che "per una salute di ferro occorre l'antiruggine". Gli credo. Anche se non sento il gusto della ruggine, sento che la vernice fresca di questa debolezza mi potrà rafforzare. Ci appiccico sopra queste parole che fermentano di desideri che ramificano radicando nel cielo. Dopo tutti questi "che", cosa posso aspettarmi? Aspetto e basta, davanti ad uno schermo gigante. Dopo tutto, questi che corrono su e giù per le montagne sono popcorn umani...


4 commenti:

Lorenzo Pisani ha detto...

Problemi comuni, caro Mariano.
Io li vorrei risolvere diventando "man of steel". Presto, che sto arrugginendo!

Fausto Bio Correndo ha detto...

Capita e capita spesso nei momenti down o quando gli impegni extra sportivi sono più stressanti e coinvolgenti. Tieni duro!

marianorun ha detto...

Lorenzo, in alternativa propongo di diventare "man of style" cercando di non dire troppe parolacce ;-)

marianorun ha detto...

Fausto, proverò a seguire il tuo consiglio, ma sarà dura... ;-)