4 marzo 2014

IX miglia di Bra

Orange Uniform

Bra è un bel paese. 50 km a sud di Torino e 50 km a nord-est di Cuneo. 

I Longobardi chiamavano "Brayda" ogni proprietà terriera adibita a pascolo esteso. E così, anche per contrazione di quegli originari prati erbosi, la nuova toponomastica si è fermata a "Bra", abbandonando il resto ad una nuova umanità, fino alla novità di una "nove miglia" alla ennesima edizione. Novità per me, non per gli appassionati del podismo piemontese.

Mi ritrovo così in arancione, in mezzo ad altri 1100 cuori pronti al battimento, al palpito cardiaco, al movimento. In strada, le zolle dell'asfalto in moto accelerato. In mente, le montagne da trail in Colorado, le montagne di Anton Krupicka, nella natura rocciosa e ancora più arancione della mia divisa.

Le sensazioni profonde sono tanto diverse. L'ambiente è un'altra cosa. Ma la spinta evolutiva che sta alla base dell'impresa è sempre uguale. Le montagne ci sono, sono bianche, piccole, lontane; il sole crea le cornici più abbaglianti e il piatto della strada batte in testa. Mi sforzo di trovare l'aria musicale nel respiro. Inutile ogni tentativo di pensare. I primi chilometri sono veloci come lepri del deserto. Poi si curva alla frazione Cà del Bosco e tutto prende fiato.

La Podistica Torino si distingue nel tracciato. E' sempre tra il rosso e il giallo dello spettro del visibile. Tanti, sparsi, avanti e indietro. A gruppi sorridenti. Giubbe arancioni accese, come i tifosi della gloriosa Pistoiese. La squadra è organizzata. E' efficiente. Da primato.

Mi sintonizzo anch'io sulla lunghezza d'onda dei seicento nanometri (l'arancione) e partecipo alla spremuta generale, al saliscendi intermedio, al ritorno nel Paese ed allo strappo, tra gli applausi, sul finale. Qui con disonore un certo "red" il rosso (626 di pettorale) mi supera sul traguardo senza avvisare. Complimenti, hai vinto un mandarino.

Comunque la corsa è stata magistrale. Qui ricordo i miei tempi al chilometro, da carnevale: 3:59, 3:55, 3:54, 4:01, 4:01, 4:05, 4:05, 4:15, 4:13, 4:14, 4:05, 4:09, 4:24, 3:58, 3:55, 4:01p.




Selfie con Carlo

4 commenti:

nino ha detto...

niente male! complimenti

Alain Guidetti ha detto...

Questa è una prestazione di tutto rispetto, soprattutto considerata la folla iniziale! Immagino che tu sia partito molto avanzato, io al primo km ero in un imbuto...ci si vede ad Asti, forse!

marianorun ha detto...

Grazie Nino! Complimenti per le tue maratone!!

marianorun ha detto...

Ho scalpitato qualche secondo, ma niente di anormale. I zig zag iniziali mi scaldano le gomme! Grazie e complimenti per la tua media da vero Runner!