17 novembre 2013

Turin Marathon 2013

In questi casi l'importante è partecipare. E poi arrivare al traguardo. E infine essere soddisfatti...

Se poi si decidesse di far finta di nulla, evitare di parlarne troppo e lasciarsi abbracciare solo dalla propria medaglia... sarebbe una grande vittoria...

Io, comunque, corro più veloce di lui..
P.S.: Pettorale 2311. Un invito matematico: 2^ maratona terminata in 3 ore e 11 minuti! 



10 commenti:

Fausto di Bio Correndo ha detto...

Mah, io invertirei gli addendi. Soddisfazione+arrivo(in buone condizioni)+partecipazione= belle sensazioni e dolce retrogusto

Anonimo ha detto...

Non che sia importante o che cambi la tua prospettiva... ma chissà che l'anno prossimo non ti assegnino il pettorale 3306.... evitando di parlarne troppo s'intende.
Max

marianorun ha detto...

La proprietà commutativa insegna che cambiando l'ordine degli addendi, la somma non cambia... E qui si tratta di somme molto preziose. Anzi di virtù per sommi capi... :-)

marianorun ha detto...

Max... giocando coi numeri, mi piacerebbe restare tra i numeri primi.
2311 è un numero primo, così come 3307 oppure 3313 oppure 3319...
Ecco, vanno tutti benone! :-)

stoppre ha detto...

Mi hai visto vero??? grande mariano!!

marianorun ha detto...

Certo Maurizio che ti ho visto...
Il tuo saluto sorridente è stampato come un indelebile fotogramma nel mio album d’immagini alla “croce e delizia” degli ultimi chilometri! Più croce che delizia... però!
Mi sarebbe piaciuto vederti all’arrivo, come l’anno scorso, e condividere con te l’atmosfera impagabile del traguardo…
A quando la nostra prossima? Un trail? Una ultramaratona? Una 100km? :-)

anna giunchi ha detto...

Ottimo tempo, e dunque stracomplimenti (il potere del pettorale)...io feci più o meno lo stesso nel 2011, se ben ricordo. E complimenti per il British Shortair: meraviglioso è dir poco...

anna giunchi ha detto...

Aspetta...è un certosino un pò imbronciatello per la medaglia, vero?

marianorun ha detto...

Grazie! Stracomplimenti anche a te e ai tuoi prossimi traguardi!
La gatta è proprio una principessa della sua specie. E figlia di un supercampione da esposizione...(vero!)

marianorun ha detto...

Vero! Però anche le pose da diva le sono congeniali, ed il fastidio è quasi sopportabile... :-)